Benvenuto su IoGuadagno.it Forum. Clicca qui per registrarti adesso
Chiudi

Oltre PayPAL e ALERTPAY. Carte di Debito o Credito per PTC

In questa area puoi discutere del funzionamento delle "e-currencies", le monete elettroniche usate dalle società PaidTo: AlertPay, PayPal, e-Gold, MoneyBookers, eccetera. E' vietato inserire annunci di scambi di valute in questa sezione
Regole di questa sezione
In questa sezione non è consentito inserire annunci di scambi di valute elettroniche. A tal fine utilizzare l'apposita sezione.

Oltre PayPAL e ALERTPAY. Carte di Debito o Credito per PTC

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 1:32

Alcuni siti PTC stanno provando in vari modi a scavalcare sia PayPaL, sia AlertPay, sia altri metodi per arrivare a versare direttamente all'utente, cioè quando chiedi il Payout, il sito PTC versa i soldi direttamente sulla Tua Carta internazionale.

Da chiarire subito:
in Nord America non esiste l' IVA, esistono solo tasse locali che variano in ogni singolo Stato,
per cui i prezzi indicati sono TUTTI NETTI.
Nell'Unione Europea i prezzi indicati sono TUTTI IVA compresa, prezzi Lordi.

Adoperando la Carta di Credito per fare acquisti sui siti:
- Se compriamo REFERRALS o altro su un sito della Unione Europea paghiamo il prezzo indicato sul sito e basta.
- Se compriamo REFERRALS o altro su un sito NoN Europeo noi Italiani pagheremo il 20 % in più

Domando agli esperti qui nel Forum:
- Se io italiano acquisto Referrals con PayPal o AlertPay sui siti americani NoN pago l'Iva
- Se io italiano acquisto Referrals con Carta di Credito pago il 20 % in più

Perchè ?

Se Ricevo pagamenti esteri da siti americani mi verrà tolto il 20 % di IVA sul versamento ?
Ultima modifica di giudime, domenica 17 febbraio 2008, 1:37, modificato 2 volte in totale.
giudime
 

Sponsor


Re: Oltre PayPAL e ALERTPAY. Carte di Debito o Credito per P

Messaggiodi tooby87 » domenica 17 febbraio 2008, 9:06

Premesso che forse non ho capito totalmente cosa vuoi dire/fare/baciare/testamento vuoi fare in questo thread, e che forse stai facendo problemi che non esistono e che comunque li hai esposti in modo molto confuso (respira) e che un po' di confusione posso averla fatta io:

giudime ha scritto:Da chiarire subito:
in Nord America non esiste l' IVA, esistono solo tasse locali che variano in ogni singolo Stato,
per cui i prezzi indicati sono TUTTI NETTI.


Preferire: "i prezzi indicati sono IVA (VAT) esclusa" (netti vuol dire altro)

giudime ha scritto:Nell'Unione Europea i prezzi indicati sono TUTTI IVA compresa, prezzi Lordi.


Come sopra.

giudime ha scritto:- Se io italiano acquisto Referrals con PayPal o AlertPay sui siti americani NoN pago l'Iva


Mica vero: per grandi linee, tu acquisti qualcosa dall'estero, e l'importazione comporta che l'IVA deve essere sempre scontata. In ogni caso, l'America è un continente con qualche decina di Stati e sottostati: gli Stati Uniti non hanno l'IVA (VAT), ma il Michigan sì. Il Canada ce l'ha al 5%, il Messico al 15 e il Cile al 19%. Poi, conta lo Stato da cui si acquista? Per le importazioni l'IVA è sempre dovuta, che io sappia, anche fra privati.

giudime ha scritto:- Se io italiano acquisto Referrals con Carta di Credito pago il 20 % in più


Non capisco perché il regime dovrebbe cambiare se cambia il mezzo di pagamento...ma sei sicuro di sta cosa?

giudime ha scritto:Se Ricevo pagamenti esteri da siti americani mi verrà tolto il 20 % di IVA sul versamento ?


L'IVA si applica solo sulle vendite, ed è a debito per il compratore e a credito per il venditore. Di che tipo di pagamento stai parlando?
Ultima modifica di tooby87, domenica 17 febbraio 2008, 9:12, modificato 2 volte in totale.
tooby87 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anni
 
Messaggi: 586

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 10:09

Iniziamo a chiarire con un esempio pratico.

Io acquisto 1 pacchetto di 100 REFERRALS su BUX.To che costa circa 100 dollari, per la precisione Novantotto.

Se pago con ALERTPAY questa operazione viene considerata TRASFERIMENTO di denaro dal Mio Conto ALERTPAY verso il Conto ALERTPAY del sito Bux.To, per cui io pago SOLO 100 dollari e le piccole Fees di AlertPay.

Se pago con la Carta di Credito questa operazione viene considerata ACQUISTO di un prodotto, 1 pacchetto di 100 Referrals, per cui pago 100 dollari più IVA italiana per un totale di 120 dollari, proprio perchè i prezzi indicati sul sito sono al NETTO.

Chiedo la conferma o la smentita a chi ha già acquistato con Carta di Credito sui siti NoN europei.
Ultima modifica di giudime, domenica 17 febbraio 2008, 12:27, modificato 1 volte in totale.
giudime
 

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 10:15

Se ACQUISTO con Carta di Credito sui siti Europei, esempio acquisto 100 Referrals per 100 EURO, la mia operazione di ACQUISTO mi costa SOLO 100 Euro perchè i prezzi indicati in Europa sono Lordi, cioè IVA compresa.
giudime
 

Messaggiodi leopardo1971 » domenica 17 febbraio 2008, 18:19

giudime ha scritto:Se ACQUISTO con Carta di Credito sui siti Europei, esempio acquisto 100 Referrals per 100 EURO, la mia operazione di ACQUISTO mi costa SOLO 100 Euro perchè i prezzi indicati in Europa sono Lordi, cioè IVA compresa.


Sbagliato.
L'iva in europa non è tutta alla stessa aliquota. In Italia siamo al 20%, ma in altri stati è al 16, 14 ecc. Quando si compra un oggetto da uno stato membro dell'Unione Euorpea, lo stesso deve essere venduto al netto dell'IVA, perchè l'IVA la devi pagare in dogana all'ingresso in Italia(se sei un privato, per le aziende funziona differentemente), applicando l'aliquota italiana (il compito della dogana viene svolto dalle poste italiane per le spedizioni via posta). Se l'oggetto venisse venduto con l'IVA tu pagheresti, per esempio, il 16% anzicchè il 20%, con evidenti disparità per coloro che comprano lo stesso oggetto in Italia. Inoltre, dato che l'aliquota italiana è la più alta d'Europa, nessuno verrebbe a comprare in Italia, perchè pagherebbe di più.
Se compri da uno stato ce NON fa parte dell'UE (e che quindi in linea generale non ha IVA), dovresti pagare sempre l'imposta in dogana oltre che gli eventuali dazi applicabili al prodotto in base alla sua provenienza e alla sua natura (vedi prodotti cinesi, ma anche i prodotti elettronici provenienti dagli Stati Uniti).

Il problema che dici tu (cioè che bux fa pagare in più sui pagamenti con carta di credito) non me lo so spiegare neanch'io. In linea di principio l'applicazione o meno d un'imposta non può dipendere dal mezzo di pagamento che si utilizza! Secono me fanno i furbi e ti applicano una maggiorazione per compensare le fees che vengono applicate sui pagamenti con carta di credito (che non sono per niente basse).
Avatar utente
leopardo1971 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anni
 
Messaggi: 825

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 18:39

La questione degli acquisti di beni, merci e servizi in Unione Europea mi sembra semplice: non esistono dogane.

Per quanto riguarda l'IVA la cosa si complica. Mi sono spiegato male io.

Se acquisto un oggetto con CARTA di Credito in un Paese Europeo, in Italia, per esempio, se l'oggetto ha un prezzo di 100 Euro, questo prezzo si intende IVA compresa. Per cui io compratore pago 100 Euro.

Sarà poi il venditore a rendere conto di quanto deve versare di IVA al Suo Stato di appartenenza.

Questo perchè in Europa il prezzo dei beni, merci e servizi al dettaglio sono indicati, in tutta Europa, IVA compresa.

Se acquisto su un sito internet, esempio BUX.To che è fuori dall'Europa, i prezzi dei pacchetti dei REFERRALS sono indicati al Netto. Per cui, pagando con Carta di Credito pago, io italiano, il 20 % in più dei prezzi indicati sul sito.

Se fossi Inglese, pagherei il 17,5 % in più e così via di Paese in Paese.
giudime
 

Messaggiodi tooby87 » domenica 17 febbraio 2008, 18:53

giudime ha scritto:Se acquisto su un sito internet, esempio BUX.To che è fuori dall'Europa, i prezzi dei pacchetti dei REFERRALS sono indicati al Netto. Per cui, pagando con Carta di Credito pago, io italiano, il 20 % in più dei prezzi indicati sul sito.

Se fossi Inglese, pagherei il 17,5 % in più e così via di Paese in Paese.


Ma chi ti addebita il 20% dell'IVA? Il circuito della carta di credito (imporbabile)? Bux stesso (impossible)? Perché dovresti pagare più del prezzo di listino? Ma non è che ti stai facendo problemi che non esistono? Più semplicemente, bux non ci può lucrare sopra a piacimento, almeno per coprire eventuali spese di gestione? Da dove esce la questione dell'IVA, adesso?
Ultima modifica di tooby87, domenica 17 febbraio 2008, 18:54, modificato 1 volte in totale.
tooby87 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anni
 
Messaggi: 586

Messaggiodi leopardo1971 » domenica 17 febbraio 2008, 19:02

I conti non tornano lo stesso.

Un soggetto residente al di fuori dell'UE non è tenuto a sapere che aliquota IVA si applica in Italia o in Gran Bretagna (e non gliene deve fregare niente). Lui deve vendere al prezzo "normale" come se vendesse ad un soggetto residente nel suo paese, sono problemi di chi compra se, quanto e con che modalità versare le imposte su quel bene nel proprio paese di residenza.

E poi c'è un altro punto importante che non hai considerato: la presunta IVA che riscuote bux dove va a finire?

L'IVA funziona in questo modo: chi vende la incassa dal compratore e poi (dedotta quella pagata sui propri acquisti) la versa allo Stato. E bux a chi la verserebbe?

Non è previsto un versamento allo Stato Italiano da parte di soggetti esteri che incassano IVA da cittadini italiani, non esiste perchè nessun venditore estero la può incassare!!
Avatar utente
leopardo1971 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anni
 
Messaggi: 825

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 19:03

Infatti Tooby87. Ho aperto questa discussione per fare chiarezza.

La questione esiste e non me la sono inventata io.

Cercavo in Voi esperti ulteriori chiarimenti, proprio perchè adoperando mezzi di pagamento e di incasso alternativi ad AlertPay o PayPaL aumentano a Nostro carico i costi.
giudime
 

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 19:06

Leopardo1971

Io NoN sono un esperto.
Forse è il gestore della Carta di Credito che agisce come sostituto di imposta e si impegna a versare l'IVA del nostro acquisto.
giudime
 

Messaggiodi leopardo1971 » domenica 17 febbraio 2008, 19:15

giudime ha scritto:Leopardo1971

Io NoN sono un esperto.
Forse è il gestore della Carta di Credito che agisce come sostituto di imposta e si impegna a versare l'IVA del nostro acquisto.


Negativo.

Il gestore della carta di credito è solo un intermediario nella transazione. Lui assolverà i propri obblighi sui suoi compensi (le fees) ed in base alla legislazione vigente nel apese in cui risiede, ma può adempiere gli obblighi per conto di un altro soggetto.
Avatar utente
leopardo1971 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anni
 
Messaggi: 825

Messaggiodi tooby87 » domenica 17 febbraio 2008, 19:21

giudime ha scritto:Cercavo in Voi esperti ulteriori chiarimenti, proprio perchè adoperando mezzi di pagamento e di incasso alternativi ad AlertPay o PayPaL aumentano a Nostro carico i costi.


Hai qualche link da mostrare per vedere questi sacrosanti prezzi? Io concordo con il leopardo, il costo maggiore per gli acquisti con carte di credito a mio avviso è da collegare al fatto che scaricano i maggiori costi di gestione sull'utente (tipo quando AlertPay faceva pagare per ricevere soldi, scaricando il costo sul compratore e non sul venditore - meccanismo simile all'IVA, ma che NON è IVA, che continua a non c'entrarci niente).
tooby87 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anni
 
Messaggi: 586

Messaggiodi giudime » domenica 17 febbraio 2008, 19:21

Leopardo 1971

Se è così come tu dici, allora qui rientra il discorso della dogana.

Cioè l'Acquisto di un prodotto su un sito NoN europeo viene sottoposto ad IVA quando entra qui da noi.
Ma la segnalazione del mio acquisto sull'Estero la fà sempre il gestore della Carta di Credito ?
giudime
 

Messaggiodi leopardo1971 » domenica 17 febbraio 2008, 19:26

@toby
Purtroppo quello che dice giudime è vero. Da quando ah inserito il pagamento con carta di credito, bux.to fa pagare una fantomatica VAT per coloro che sono residenti in UE, ma per me è ingiustificata

@giudime

Non credo, ripeto non è compito del gestore delle carte di credito fare queste cose. Le carte di credtio sono utilizzate in tutto il mondo e se i gestori dovessere conoscere tutte le legislazioni fiscali... sarebbe impossibile!

Ripeto, non è un problema di Bux applicare l'IVA, se lo fanno sbagliano e ci fregano i soldi!
Avatar utente
leopardo1971 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anniUtente da 9 anni
 
Messaggi: 825

Messaggiodi tooby87 » domenica 17 febbraio 2008, 19:31

leopardo1971 ha scritto:@toby
Purtroppo quello che dice giudime è vero. Da quando ah inserito il pagamento con carta di credito, bux.to fa pagare una fantomatica VAT per coloro che sono residenti in UE, ma per me è ingiustificata


Mi chiamo Tooby, con due O.

Poi: chi ci dice che bux.to è americana? Io quando mi collego, i loro server risultano in Germania, quindi la VAT per la UE sarebbe ampiamente giustificata. In caso contrario, la VAT non è dovuta, per difetto del requisito di territorialità, cioè la transazione non avviene in Italia o in UE, e quindi non è imponibile ai fini dell'IVA.

Ripeto, esiste un link?
Ultima modifica di tooby87, domenica 17 febbraio 2008, 19:31, modificato 1 volte in totale.
tooby87 Uomo
Cliccatore
Cliccatore
 
Utente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anniUtente da 11 anni
 
Messaggi: 586

Sponsor


Prossimo

Torna a Discussioni sulle monete elettroniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron